Vangelo per ogni giorno

 

L’INIZIO È DALLA FEDE

"“… e credete al Vangelo"

(Mc 1,15)


 

Il vangelo del giorno

PREGHIERA QUOTIDIANA

Gesù, Vangelo di Dio,
morto, risorto e vivente.
Luce del mondo, via, verità e vita.
Ti adoriamo, ti ringraziamo, ti ascoltiamo:
Tu solo hai parole di vita eterna.
Rendici docili al tuo Vangelo
e, con la grazia dello Spirito santo
che ci hai promesso ed inviato,
rendici tuoi testimoni coerenti e coraggiosi
perché tutti vedano le nostre opere buone
e glorifichino il Padre che è nei cieli.

Mons. Andrea Gemma - Vescovo emerito di Isernia-Venafro

 

                   alt                                                                                        

                                                                                                     RICEVO e PUBBLICO

 

Questi pseudo veggenti si arricchiscono alle spalle dei poveri fedeli che ingenui mandano le loro offerte a Medjugorje. MEDJUGORJE: LA "VEGGENTE" MARIJA PAVLOVIC IN LUNETTI, I GUAI CAUSATI AL CARDINAL VERSALDI ED I 5.000 EURO PREFERIBILI
Intro: Ciao cari amici! Vi mando quanto sotto, spero che vada bene e spero anche che serva a far aprire gli occhi a qualcuno. E' quanto ho vissuto in prima persona. Tenete conto che ho creduto a Medjugorje per 29 anni! Finché ...

Testimonianza accertata: L’8 giugno 2011 proprio in una chiesa dedicata a S. Michele, nell'omonimo paese presso Alessandria, è giunta la ‘veggente’ Marjia Pavlovic in Lunetti, per un incontro di preghiera con ‘apparizione programmata’. Stranamente pochi sapevano dell'incontro. Come (stranamente) non ne erano informati, come di solito avviene in questi eventi, giornali e televisioni locali. Cosa che ancor meno persone conoscono è che in quell’occasione successe una cosa a dir poco singolare. Quel pomeriggio il cielo minacciava pioggia. Alle 17.30 esatte, il vice parroco del luogo al microfono aprì l'incontro con questa introduzione: "Sta per entrare in chiesa la veggente Marjia...". Ma nello stesso istante ...
... (stesso istante! - ci sono tanti testimoni) in cui diceva così, un fulmine si scaricava sulla chiesa e faceva saltare tutte le apparecchiature di supporto. Il tutto veniva ripristinato dopo 10 minuti. Ovviamente la ‘veggente’ non osò entrare in chiesa, date le condizioni.
Quasi fatto apposta quei minuti furono provvidenziali ad una equipe televisiva, che si premurò di intervistare la Pavlovic. L'intervistatore, avvertito dell'evento pochissimo tempo prima, aveva in serbo per Marija 4 domande:
1- Cosa successe dopo il 30 giugno 1981, quando la 'Madonna' disse "vi apparirò ancora per 3 giorni"?
2- Qual’era il suo rapporto con Terry Colafrancesco (credo che tutti sappiano di chi sto parlando)?
3- Sull'obbedienza alla Chiesa;
4- Sul 'grande segno' (terzo segreto) promesso dalla 'Madonna'.
'Stranamente', che si sappia, quell'incontro con la ‘veggente’ non venne mai dato in tv e le risposte? Boh!
L'incontro ebbe il suo naturale prosieguo con la rimessa in funzione di tutta la strumentazione e la 'veggente' ebbe la sua 'apparizione quotidiana' in chiesa davanti all'effige di S. Michele Arcangelo e al SS Sacramento.
Il giorno dopo apriti cielo!
Per quanto avvenuto, il vescovo di Alessandria Versaldi (ora cardinale), ricevette vibrate proteste da più parti per aver permesso un evento ('l'apparizione' in chiesa), in palese contrasto con lo spirito ecclesiastico e con gli ordini della Chiesa.
Versaldi dovette emettere una chiarificazione ufficiale onde evitare ripercussioni con Roma:
(http://www.diocesialessandria.it/NewsDetail.aspx?idNews=418).
Non bastando la sua dichiarazione scritta sul settimanale e sul sito diocesano, dovette richiamare nuovamente l'attenzione sul caso dopo alcuni giorni, convocando una assemblea nella stessa parrocchia, per chiarire sostanzialmente che:
1 - Nessuno può affermare che a Medjugorje appare la Madonna;
2 - Nessuno può mettere in chiesa foglietti dei messaggi dichiarati 'della Madonna';
3 - Non si possono raccogliere soldi in chiesa per donarli ai cosiddetti 'veggenti' (cosa avvenuta il giorno dell'incontro).


Forse pochi sanno che Marija Pavlovic in Lunetti da oltre 2 anni ha aperto un conto intestato all'Associazione (Antares) a cui fanno capo lei e il marito, dovendo rastrellare le centinaia di migliaia di euro che ancora servono per ultimare la costruzione dell’opera (come impropriamente la chiamano loro) sul loro terreno di Medjugorje, ossia un albergo da 120 posti entrato in funzione da poco tempo.
A questa gara di solidarietà si può partecipare con qualunque donazione, ma vengono privilegiati coloro che contribuiscono con almeno 5.000 €.
Tutto lecito e legale, naturalmente.

NB: Abbiamo omesso di pubblicare nome e cognome del testimone perché è noto nell'ambiente dei medjugorjani, quindi vogliamo evitargli problemi, così come accaduto ad un signore conosciutissimo che è stato malmenato da 2 fedeli della "Gospa" al termine di un raduno di preghiera, dopo 10 ore di presunte invocazioni per la pace (la testimonianza sarà pubblicata a tempo debito).

Talvolta Marija si reca nella camera da letto dell'amico Terry Colafrancesco per avere le presunte apparizioni della Madonna. Non vi sembra strano che la Vergine Santissima appaia in una camera privata ? Si tratta certamente di puro fanatismo. E non dica la signora Marija che non conosceva Terry quando tutto verrà a galla, così come ha avuto il coraggio di smentire che padre Vlasic fosse il confessore dei veggenti o che lei stessa non sia mai stata nella comunità in Italia benedetta dalla Madonna. ( LE SUE VISITE SONO RIPORTATE IN TUTTI I LIBRI ). La Madonna non permetterebbe mai di affermare falsità così gravi, ma d'altra parte in 30 anni di messaggi non si trova nemmeno un invito a ubbidire al Vescovo del luogo e alla Chiesa.

Il mese prossimo protrete leggere altri articoli ancora più scottanti di questo.

Il gruppo si preoccupa di fare denaro.
Caritas di Birmingham ha entrate per oltre un milione di dollari ogni anno, talvolta anche il triplo. Exmembri hanno raccontato che le donazioni venivano spese in bestiame, acri di terra, mobilia antica e macchinari agricoli. Un benefattore ha raccontato di essere stato truffato per $250.000 dopo avere ricevuto la promessa di un’udienza personale con la veggente Marija Pavlovic Lunetti. Il regno personale di Colafrancesco (Un Amico di Medjugorje) consiste in una comoda casa ben arredata con la piscina a Caritas di Birmingham, una casa ben decorata a Medjugorie e due società di profitto che usano i membri di “Caritas di Birmingham” come impiegati.
Vedi p.es. dozzina di testimonianze scioccanti di ex-membri della "Caritas" di Birmingham, riguardano scandalose depauperazioni di persone ingenue e inganni denaro collegato, tra cui anche: “Una coppia facoltosa di Houston partecipò ad un pellegrinaggio di 'Caritas'. Poco tempo dopo, Terry ed io andammo a trovarli. Terry chiese loro $389'000. Disse che se gli avessero dato il denaro avrebbero potuto venire ad abitare accanto a 'Caritas' per sopravvivere al caos che sarebbe sopraggiunto il 1o gennaio del 2000. - Y2K” [2]
Anche p.es. qui: “Quest‘uomo ha riciclato denaro attraverso il conto corrente di povere persone, e intendo POVERE IN OGNI COSA, facendosi dare poi indietro lo stesso denaro con assegni a suo favore, per i propri interessi. Ho una prova nero su bianco.” [3]
E p.es. qui: “Gli ex-residenti dicono che gran parte delle donazioni fatte a “Caritas” sono state utilizzate per l’acquisto di costose attrezzature per la proprietà. I vicini e gli ex—residenti dicono che un sacco di mezzi pesanti è stato acquistato negli ultimi due anni. Secondo loro, l'inventario, comprende una segheria, un rimorchio per trattori, un Caterpillar e rimorchi per cavalli.”

Il gruppo insegna o implica che i suoi supposti esaltati obiettivi giustifichino qualunque mezzo si riveli necessario. Questo può implicare la partecipazione dei membri a comportamenti o attività che avrebbero considerato reprensibili o non-etici prima di unirsi al gruppo (ad esempio mentire alla famiglia o agli amici, o raccogliere denaro per truffe sotto forma di carità).
Vedi p.es. Selezione di brani tratti da testimonianze scioccanti di ex-membri della "Caritas" di Birmingham, riguardano scandalose depauperazioni di persone ingenue e inganni denaro collegato: “Durante i nostri pellegrinaggi a Medjugorje, Terry ci induceva a cercare di individuare i componenti del gruppo che possedevano molto denaro. Dopo di che, noi o Terry, se era presente, cercavamo di concentrarci specificamente su costoro per ottenere grandi donazioni.”

E p.es. qui: “Anche Marija, a Medjugorje, è stata notificata da quelli che hanno lasciato tutte le bugie e inganni di Terry. Tuttavia, è pur sempre umana e da quello che ho notato incontrandola, si sente in obbligo verso Terry per averle decorato casa sua, ecc....e non dimentichiamoci la parte che ha recitato per aiutare il fratello di Marija..(ancora, nessuno sa che Terry ha ricevuto oltre $50,000 per portarla qua). La gente ha anche dato il proprio denaro per poterla incontrare quando venne negli Stati Uniti. Comunque, abbiamo prova che Terry non intende mai fare buone cose con queste promesse dal momento che non vengono mai mantenute! Sappiamo, perchè qualcuno che se ne è andato ce lo ha detto, che devono continuare a trovare scuse sul perchè non incontrano mai Marija e coincidenza vuole che molto più denaro fu richiesto a queste persone con la speranza che la prossima volta l’incontro avvenga.” [3]

"Durante i nostri pellegrinaggi a Medjugorje, Terry ci induceva a cercare di individuare i componenti del gruppo che possedevano molto denaro. Dopo di che, noi o Terry, se era presente, cercavamo di concentrarci specificamente su costoro per ottenere grandi donazioni. Terry cercava di farli assistere ad un'apparizione (ovviamente col permesso di un frate francescano). Durante il pellegrinaggio del giugno 1998, Terry prese in disparte un proprietario d'azienda e sua moglie e li convinse a dargli $50'000 per acquistare un terreno a Medjugorje. Durante lo stesso viaggio, Terry portò un altro ricco signore ad un'apparizione e poi sulla veranda sul retro della casa di Paolo e Marija cercò di ottenere il denaro per comperare l'appezzamento a fianco della casa di Marija."

"Una coppia facoltosa di Houston partecipò ad un pellegrinaggio di 'Caritas'. Poco tempo dopo, Terry ed io andammo a trovarli. Terry chiese loro $389'000. Disse che se gli avessero dato il denaro avrebbero potuto venire ad abitare accanto a 'Caritas' per sopravvivere al caos che sarebbe sopraggiunto il 10 gennaio del 2000. - Y2K"
"Nel 1997 Terry mandò Steve e me a Seattle a chiedere ad un'altra ricca coppia $165'000 per costruire un negozio sul terreno di 'Caritas' per restaurare vecchie statue danneggiate."
"All'inizio del 1997 Terry, Joan ed io andammo a Tucson, in Arizona, ancora a chiedere, ad un'altra ricca coppia, $3'000'000 per cancellare tutti i debiti di 'Caritas' e metterci in buone condizioni per 'evangelizzare'."
"Dopo che Marija venne in Alabama nel 1988, Terry acquistò tutte le proprietà che comprendevano tutto il terreno per 'Caritas' e mise tutto (oltre 100 acri) a suo nome. Adesso è stato tutto pagato. Come l'ha pagato? Una domanda molto interessante."
"Steve e Kathy, due persone fra le piú care che si possano incontrare, entrarono nel gruppo nell'aprile 1998. Quando arrivarono avevano un bel po' di denaro (circa $80'000). Lo diedero a Terry. Egli promise loro una casetta ove abitare. Dopo oltre un anno e mezzo, essi espressero il desiderio di avere la loro casetta, che avevano pagato e che Terry aveva loro promesso. Terry rifiutò di dargliela."
"Quando Paolo, Marija e la loro famiglia ci visitarono nel 1998, mi fu detto di partecipare ad un raggiro per indurli a restare piú a lungo. Prima di questa visita, decine di migliaia di dollari furono spesi per fare colpo su Paolo e Marija in modo che si impegnassero a vivere nella comunità per un certo periodo di tempo ogni anno. Questo fu un altro metodo usato da Terry per manipolare la veggente per controllare l'apparizione."
"Nel 1996 Terry accettò $15'000 da una donna a Miami con la condizione che quando Marija avesse visitato 'Caritas' questa donna avrebbe avuto la possibilità di parlarle privatamente. Quando Marija programmò di tornare per la dedicazione del 1999, questa donna telefonò e ci chiese se in questa occasione avrebbe potuto parlare a Marija. Noi chiedemmo a Terry ed egli disse: 'Nemmeno per sogno; la gente non può pretendere questo genere di privilegi.' Ella si sentí presa in giro, ingannata e sfruttata. Terry aveva avuto i suoi $15'000 ed era ciò che voleva. La sua promessa non aveva alcun significato."
"Molte volte durante i nove anni che ho passato lí, Terry aveva bisogno di denaro per certe cose. Ci veniva detto che i soldi servivano per pagare le tasse sulle proprietà terriere di Terry. Il modo in cui la cosa veniva gestita era il seguente. Ruth McDonald ci dava un assegno di 'Caritas' per un certo importo. Questo assegno veniva depositato nel nostro conto corrente e poi noi firmavamo un assegno personale a Terry per il medesimo importo. Io e la mia banca abbiamo le prove di tutte queste transazioni, che assommano a piú di $33'000 nei soli 1996 e 1997. Ed il mio era solo uno dei conti usati per far affluire denaro a Terry."
"Le ultime due spedizioni di aiuti umanitari alla regione di Medjugorje erano fasulle. Con la scusa della carità abbiamo contrabbandato senza dazio le nostre merci e materiali di costruzione per i nostri interessi. Negli ultimi sessanta centimetri del container abbiamo messo cose come coperte, abiti ed altri generi di conforto, per far credere che l'intero container fosse pieno di tali cose. Nell'ultima spedizione Terry mi fece fare un grande poster con un disegno della Madonna. Il poster fu attaccato alle false forniture in modo che fosse completamente visibile quando le guardie di confine avessero aperto il container per l'ispezione. Sul poster, in croato, si affermava che questo era tutto materiale di conforto destinato ad aiutare le povere vittime della devastante guerra ed a ricostruire le loro chiese bombardate. Era una completa bugia. Il container era pieno di prodotti per una costruzione da realizzare per nostro uso sulla proprietà che Terry Colafrancesco aveva recentemente acquistato a Medjugorje e mobili antichi per arredare quella e la nostra casa di missione. La bugia che si trattava di aiuti umanitari fu una valida finzione per contrabbandare le nostre cose a Medjugorje ed evitare le alte tariffe che i commercianti devono normalmente pagare. In una delle spedizioni, Terry Colafrancesco contrabbandò un furgone pick-up ben nascosto in un container. Quando Gojko Jerkovic (che aiutava Terry con le spedizioni) vide il furgone si irritò molto ed espresse indignazione per il fatto che egli avrebbe potuto essere messo in prigione per questo." Ecc... Ecc... La Marija tutti gli anni si reca in casa di questo individuo e nella camera da letto di questo lei a l'apparizione della Madonna. Come si fa a prendere in giro i fedeli e attribuire alla Madonna queste apparizioni che così come sono possono solo arrivare dal demonio? Cliccare sotto e vedete la veggente in camera da letto in cui dice di vedere la Madonna.

http://www.marcocorvaglia.com/medjugorje/a-proposito-di-marija-parte-2.html

MEDJUGORJE: LA VERA FONTE DEI “MESSAGGI” DI MARIJA. UNA BARZELLETTA DI MARIJA CONTRO CRISTO
«Il 29 giugno 1981, il sesto giorno delle apparizioni, P. Tomislav Vlasic, un francescano della vicina parrocchia di Capljina, si era recato a Medjugorje. Volle subito incontrare i "veggenti" e, ben presto, ne sarebbe divenuto la guida spirituale. Infatti, il giorno dopo l’arresto di P. Jozo, quindi il 18 agosto, si recò dal Provinciale francescano, probabilmene per chiedere di essere assegnato alla parrocchia di Medjugorje e, in effetti, venne nominato viceparroco. Sarà lui stesso a presentarsi come “il padre che guida i veggenti di Medjugorje” in una lettera del 13 maggio 1984, indirizzata a papa Giovanni Paolo II. Laurentin lo definisce “un’anima aperta a Dio”. Il suo Vescovo, Zanic, più prosaicamente, lo riteneva un “mistificatore e mago carismatico”. Vlasic trovò una collocazione fissa per gli incontri quotidiani dei veggenti con la Gospa, che infatti dal gennaio 1982 (e per circa 3 anni) ebbe luogo nella cosiddetta ...
... “cappella delle apparizioni”, in realtà una stanzetta posta dietro l’altare, nella quale potevano entrare solo in pochi: in genere sacerdoti e persone che avessero chiesto ai veggenti di rivolgere preghiere specifiche alla Madonna o di farle benedire oggetti personali.
La Messa serale iniziava subito dopo l’apparizione e ai fedeli, raccolti in chiesa, veniva letto il messaggio lasciato dalla Gospa.
Nel gennaio 1985, Walter Fürhoff, un fotografo di Monaco, fu spettatore di un episodio che così raccontò in seguito: “Una volta, ho notato come Marija mette per iscritto il messaggio. L’ha coperto con il corpo, perché c’erano altre persone in sacrestia in quel momento e poi, all’improvviso, ha messo un pezzo di carta nella tasca del cappotto. (...). Ovviamente, era l’originale da cui aveva copiato, altrimenti perché avrebbe dovuto tentare di metterlo di nascosto in tasca? Dopo, in chiesa, ha letto da un altro pezzo di carta, su cui c’era la sua grafia”.
Fürhoff, che si era recato molte volte a Medjugorje come pellegrino, a partire dal 1983, cominciò a insospettirsi.
Un altro giorno, si appostò fuori dalla sacrestia e scattò, di nascosto, alcune foto attraverso la finestra. Tre di queste fotografie sono visibili su internet, pubblicate sul sito di una altro ex devoto di Medjugorje, Richard Salbato.
Da notare gli elementi sospetti: sul tavolino ci sono due fogli, prima P. Vlasiv scrive su quello piccolo, mentre Marija aspetta in piedi, accanto a lui. In fondo a sinistra, vicino alla porta, si vede Ivan che, secondo Fürhoff, controlla che non arrivi nessuno.
Dopo che Vlasic ha smesso di scrivere, la veggente (Marija) si china sul tavolino e scrive, a sua volta, sul foglio più grande; successivamente, si rialza con la penna ancora nella mano destra.
È proprio Marija ad accorgersi della presenza di Fürhoff, il quale, una volta scoperto, chiede a Vlasic di poter leggere i due foglietti. Ma il sacerdote non glielo consente.
Stando alle dichiarazioni del fotografo, inoltre, Ivan gli si avvicina e ‘fa il gesto di tagliargli la gola». (pp. 63-65).
Era dunque P. Vlasic “il mistificatore mago carismatico” a inventare i messaggi di Marija?
Sì, lo dice Marija stessa. A seguito dello scioglimento della Comunità, fondata da P. Vlaisic con Agnes Heupel, voluto dalla Sacra Congregazione per la Dottrina della Fede (card. Ratzinger), di cui era membro la stessa Marija...
***
DICHIARAZIONE:
«l’11 luglio 1988, si verifica un fatto clamoroso: Marija, forse temendo di essere compromessa con un frate coinvolto in uno scandalo, rilascia un nuovo comunicato, dietro suggerimento di un suo amico (che poi diventerà suo marito), Paolo Lunetti, che l’aiuta a redigere, in perfetto italiano, una lettera aperta d’accusa contro P. Tomislav Vlasic:
“Sento il dovere morale di fare le seguenti dichiarazioni davanti a Dio, la Madonna e la Chiesa di Gesù Cristo: nel libretto “Una chiamata nell’Anno Mariano” e nella dichiarazione da me firmata, è detto che io ho riportato una risposta della Madonna a una domanda di P. Tomislav Vlasic. La risposta sarebbe: ‘Rientra nel piano di Dio’.
In altre parole, in questi testi si dice che io ho comunicato a P. Tomislav Vlasic l’assenso della Madonna e l’esplicita approvazione di quest’opera e del programma intrapreso in Italia con il gruppo di preghiera Medjugorje.
Ora, io dichiaro che non ho mai chiesto alla Madonna nessuna approvazione per il lavoro intrapreso da P. Tomisla Vlasic e Agnes Heupel. (...). La mia dichiarazione, pubblicata in croato e in italiano, non corrisponde a verità. Io, da parte mia, non avevo nessun desiderio di rilasciare alcuna dichiarazione scritta, ma padre Tomislav Vlasic mi ha spinto, con sempre maggiore insistenza a mettere per iscritto, in qualità di veggente, la dichiarazione che il mondo aspettava”» (pp. 68-69).
***
UNA BARZELLETTA DI MARIJA
Dal 25 al 27 agosto 2000, Marija si trovava a Sacramento, in California, per promuovere Medjugorje nel mondo. Era presente una criminologa californiana, attivista cattolica, Laurette Elsberry, la quale registrò su nastro la manifestazione. Ecco una barzelletta raccontata da Marija:
«Gesù era in Paradiso. Gli Apostoli erano un po’ annoiati per il fatto di essere lì da tanto tempo (...). Gesù disse: “Andiamo a fare un giro sulla terra” (...). Così arrivarono (in Terra Santa) e decisero di fare una grigliata sulla riva del lago, con del pesce fresco.. (Gli Apostoli) si misero a camminare sull’acqua. Allora, anche Gesù li raggiunse, ma cominciò a scendere giù, ad andare a fondo. Così cominciò a pensare tra sè e sè: “Cosa c’è che non va in me? Sono Gesù. È impossibile. Sto affondando”. Pietro lo vide, gli andò vicino e disse: “Signore, hai dimenticato che i tuoi piedi sono bucati”!
La reazione dei duemila presenti fu: “proruppero in risa fragorose e rauche, e applaudirono”! (p. 123).
***
CARNEFIICINA A MEDJUGORJE: 80 MORTII
«Nel momento in cui, nel 1991, in Jugoslavia scoppiò la guerra, l’afflusso dei pellegrini (e conseguentemente il giro d’affari) ebbe un calo vertiginoso. Ciò portò a una vera e propria faida tra tre gruppi familiari (di cui uno di origine serba) che si contendevano i pochi clienti disponibili e volevano, quindi, eliminare i concorrenti.
Mart Bax, professore presso la Vrije Universiteit di Amsterdam, a partire dal 1983 ha soggiornato ogni anno (compreso il periodo della guerra) per alcune settimane a Medjugorje con lo scopo di studiare il fenomeno dal punto di vista socio-antropologico.
Questa la sua testimonianza sullo scontro tra clan di cui stiamo parlando, tratta dal libro ‘Medjugorje: Religion, Politics and Violence in Rural Bosnia’ di cui è Autore:
“Circa ottanta persone, almeno sessanta delle quali del posto, furono uccise (...). I loro corpi mutilati, in genere appesi a un albero o alla trave del soffitto, testimoniano queste atrocità”. In nota, aggiunge: “Le mutilazioni seguivano uno schema fisso ed erano sempre più le parti del corpo che venivano asportate”». (p. 84).


 

 

 

 

Articoli correlati

Non ci sono corrispondenze...


Preghiera
Per la beatificazione del Venerabile Pio XII

O Trinità santissima,
Padre, Figlio e Spirito santo,
ti adoriamo, ti lodiamo, ti ringraziamo
per aver donato alla tua Chiesa
in tempi difficili e burrascosi
il Papa Pio XII,
ieratica e maestosa figura di sacerdote,
incomparabile faro di luminosa dottrina,
pastore angelico e maestro della Parola,
cultore profondo della sacra Scrittura,
riformatore della divina liturgia,
instancabile fautore della pace,
padre e difensore dei poveri e dei perseguitati.
L’esempio delle sue eccelse virtù,
la fedeltà alla Chiesa,
la tenerissima devozione a Maria,
della quale proclamò quale verità di fede
l’assunzione corporea alla gloria del cielo,
segnano anche per noi
la via della perfezione cristiana
in fedeltà al nostro Battesimo.
Per i suoi meriti e la sua intercessione
che abbiamo tante volte sperimentato
concedi a noi la grazia
che umilmente ti domandiamo.


Gloria

Andrea Gemma, vescovo

contatore